Checklist di migrazione

Questa checklist è una versione breve delle sezioni Preparazione alla migrazione Migrazione e Operazioni post-migrazione. Può essere utilizzata per monitorare lo stato della migrazione.

  1. Assicurarsi di non utilizzare una funzionalità che blocca la migrazione:
    • Dispositivi Windows Mobile o Windows Phone
    • Sincronizzazione dei keyring dell'organizzazione con SafeGuard Enterprise
    • Integrazione di Sophos UTM
    • Integrazione con software NAC (Network Access Control) di terze parti
    • Integrazione di Duo Security per i dispositivi Android
    • Gestione utenti LDAP, ad eccezione di Active Directory
    • Integrazione dell'API App Groups con un vendor di soluzioni di reputazione delle app di terze parti
    • Altre API REST di Sophos Mobile
  2. Verificare che tutti i dispositivi eseguano un sistema operativo supportato.
  3. Verificare che il firewall autorizzi le connessioni in entrata da Sophos Central.
  4. Se applicabile, verificare che i seguenti elementi siano aggiornati:
    • Il server di Sophos Mobile
    • Il certificato APNs
    • Il proxy EAS esterno
  5. Configurare l'account Sophos Central.
  6. Scaricare un token di migrazione da Sophos Central.
  7. Se applicabile, disattivare la registrazione automatica a Sophos Mobile:
    • Revocare il codice QR di Android Enterprise.
    • Revocare la configurazione zero-touch di Android.
    • Revocare la configurazione Samsung Knox Mobile Enrollment (KME).
    • Revocare il codice di connessione di Google Workspace per Sophos Chrome Security.
    • Revocare il codice di connessione di terze parti per Sophos Intercept X for Mobile.
    • Disattivare la registrazione automatica di iOS con Apple Configurator nelle impostazioni dei gruppi di dispositivi.
  8. Se applicabile, disattivare l'integrazione con TeamViewer.
  9. Annullare la registrazione dei dispositivi inattivi che non si sincronizzano più ed eliminarli.
  10. Aggiornare le app Sophos Mobile.
  11. Se applicabile, disattivare il filtro della posta con il proxy EAS di Sophos Mobile.
  12. Avviare l'assistente alla migrazione.
  13. Correggere i problemi segnalati dall'assistente alla migrazione.
  14. Avviare la migrazione dall'ultima pagina dell'assistente alla migrazione.

Attendere che l'assistente alla migrazione inizi a eseguire la migrazione dei dispositivi. Procedere quindi come segue:

  1. Controllare i dati migrati in Sophos Central.
  2. Configurare la gestione degli utenti in Sophos Central e invitare gli utenti a iscriversi al Sophos Central Self Service Portal.
  3. Se applicabile, svolgere le seguenti operazioni:
    1. Configurare la protezione delle app Intune in Sophos Central.
    2. Configurare la registrazione automatica a Sophos Mobile in Sophos Central.
    3. Attivare il filtro della posta con il proxy EAS di Sophos Mobile.
Avvertenza Quando si esegue la migrazione di iPhone, iPad, Mac o computer Windows, è necessario assicurarsi che il server di Sophos Mobile rimanga in esecuzione dopo la migrazione. Questi dispositivi rimangono connessi al server di Sophos Mobile anche dopo la migrazione.

Tuttavia, non occorre aggiornare le licenze o il software del server di Sophos Mobile. Poiché il carico del server è minore dopo la migrazione, potrebbe essere consigliabile valutare un'eventuale riduzione delle risorse hardware del server.